in-Training

Il mio stomaco era stato in nodi quella mattina.

“Sei incinta?”il mio compagno di classe rise dopo che sono tornato al laboratorio di anatomia gross per la seconda volta dopo essere andato a prendere un drink.

“No”, ridacchiai e tornai a tagliare il grasso e la fascia, stuzzicando i muscoli e i nervi per la dissezione del giorno.

Ma, mi chiedevo.

Sulla strada di casa dopo il laboratorio, ho comprato un test di gravidanza per mettere la mia mente a proprio agio. Essendo nella mia fine degli anni ” 20 quando ho iniziato la scuola di medicina, mio marito ed io avevamo avuto molte conversazioni su quando sarebbe stato il momento giusto per iniziare una famiglia durante la mia formazione. Le prime serie di esami erano andati bene e mi è stato sempre un sacco di tempo per me stesso, mentre la regolazione alla vita come un nuovo studente di medicina, così avevamo collettivamente pensato che avrei potuto gestire essere incinta, mentre a scuola. Avevamo appena iniziato a cercare di mettere su famiglia, ed ero convinto che non c’era modo possibile ero già incinta così presto.

Tuttavia, il piccolo segno “+” ha dimostrato il contrario. Eravamo entrambi scioccati e incredibilmente entusiasti di essere genitori. Ad essere onesti, però, ero anche spaventato-ora che ero effettivamente incinta, mi chiedevo se la mia precedente valutazione delle mie capacità fosse troppo sicura di sé. Sono stato così ingenuo che ho pensato di poter essere sia uno studente di medicina e madre-to-be? Poi, solo pochi mesi dopo il mio primo anno di scuola medica, mi chiedevo se potevo continuare ad essere un bravo studente mentre ero incinta.

Le classi non hanno fatto nulla per alleviare le mie paure; a volte, il contenuto della classe ha peggiorato le mie paure. Quando ho saputo per la prima volta dell’embrione che portavo, la mia classe era nel bel mezzo di embriologia medica. Mentre la mia gravidanza continuava, quelle preoccupazioni cambiavano in base alle mie nuove conoscenze.

“Non ti è permesso essere una gravidanza molare”, penserei verso il mio clandestino. “Non ti è permesso avere l’oloprosencefalia. Non ti è permesso avere una trisomia”, pensai, poiché un’altra ondata di nausea avrebbe rotto la mia concentrazione.

Sapendo che la maggior parte degli aborti spontanei si verificano nelle prime otto settimane di sviluppo, non mi sentivo a mio agio nel condividere la notizia con nessuno tranne mio marito — ero spaventato a morte che avrei abortito. Felpe e scrub erano i miei abiti preferiti, il mio meccanismo per nascondere il mio segreto fino a quando non ero pronto a condividerlo. Temevo che i miei professori e compagni di classe pensassero che non fossi uno studente serio poiché avevo scelto di mettere su famiglia durante il mio allenamento. (Fortunatamente, il mio ostetrico non era in facoltà, e si trovava vicino al campus in modo da poter facilmente partecipare ai miei appuntamenti senza destare sospetti.) Essendo uno studente non tradizionale, sapevo che il mio periodo di tempo per una famiglia era diverso da quello di alcuni dei miei compagni di classe più giovani, e non volevo essere giudicato come incompetente a causa della mia “condizione.”

Come è successo, la mia “condizione” aveva idee proprie e ha colpito con una vendetta. Non avevo previsto che sarei stato così attivamente, violentemente malato ogni singolo giorno. Per la prima volta nella mia vita, c’era qualcosa che dettava le mie attività quotidiane che non potevo controllare. Il mio stile di apprendimento aveva coinvolto frequentare le lezioni, ma questo è stato bruscamente interrotto come la mia malattia di mattina impostato per rimanere. Non ero in grado di mantenere la calma per lunghi periodi di tempo, specialmente durante le dissezioni di anatomia grossolana di tre ore. Ci sono stati giorni in cui avevo bisogno di stare a casa e fare pisolini pausa studio. La maggior parte dei giorni, volevo solo funzionare, che era difficile da realizzare. Ho cercato di comportarmi nel modo più normale possibile perché non volevo alcun trattamento speciale o attirare alcuna attenzione speciale, anche nei giorni in cui ero infelice.

Per fortuna, non ero sempre infelice. Mentre c’erano molti dubbi, c’era ancora più gioia. Vedendo gli ultrasuoni, sentendo il battito del cuore, imparando che il nostro bambino era una ragazza, cercando di decidere un nome — tutte queste cose erano gioiose, ed ero grato per qualcosa al di fuori della scuola per aiutarmi a sentire come se non fossi completamente consumato nella mia vita come studente di medicina.

Tuttavia, il problema con i segreti è che alla fine si rivelano. Nascondere la mia gravidanza non è stata un’impresa facile. Uno dei nostri incarichi per il primo anno era un turno di ombra di otto ore nel dipartimento di emergenza della nostra università, che era eccezionalmente occupato quella notte. Il mio turno assegnato era durante il mio periodo di estrema nausea mattutina, ma non c’era modo di riprogrammare il mio turno senza dare la notizia all’amministrazione. Per tenere a bada la mia nausea, ho tenuto una grande quantità di caramelle dure nella mia tasca corta del camice bianco. Quando c’era bisogno di una radiografia, mi scusai tranquillamente a una distanza di sicurezza. Il partecipante che stavo shadowing ha preso nota, mi sorrise, e tornò al suo lavoro.

Mentre il mio segreto era al sicuro quella notte, non doveva durare. Non molto tempo dopo, gross anatomy fece precipitare la mia decisione di parlare con i miei professori della mia gravidanza. Il mio stomaco aveva bisogno di sostanza costantemente, il che significava che dovevo imparare quanto cibo portare con me al campus in modo da poter essere produttivo senza troppe pause. Semplicemente non potevo rimanere al mio tavolo di dissezione per periodi abbastanza lunghi senza avere aria fresca e un drink o uno spuntino per sistemare lo stomaco, e non volevo essere accusato di cercare di sottrarmi alle mie responsabilità al tavolo di dissezione. Durante la pausa invernale, ero nel secondo trimestre della mia gravidanza, la nausea stava lentamente diminuendo, e mio marito ed io avevamo una chiara ecografia di un bambino sano. Era finalmente giunto il momento di condividere la nostra buona notizia.

Con mia sorpresa, i miei compagni di classe e la mia istituzione sono stati meravigliosamente di supporto nel corso della mia gravidanza. Quando non era più un segreto da nessuno, ho subito capito che tutte le mie paure erano infondate. E ‘ stato un tale sollievo non nascondere più una parte importante della mia vita da quelli intorno a me. Parlando con l’amministrazione mi ha anche fornito una lunga lista di mentori in una varietà di specialità che hanno anche iniziato le famiglie mentre ero a scuola o all’inizio della loro carriera, il che mi ha fatto sentire molto meno isolato nella mia esperienza. La cosa più incoraggiante che ho guadagnato dai miei mentori è stato sentire come le loro storie ed esperienze si sono rivelate, e che questa è stata un’esperienza molto più comune di quanto avessi previsto.

Mentre la nausea è finalmente diminuita, sono apparse altre cose che non mi aspettavo. Le piccole cose quotidiane che non potevo più fare per me stesso cominciarono a sembrare un tradimento. Non potevo più piegarmi per legarmi le scarpe, così ho comprato slip-on. I miei vestiti erano sempre più stretti. Anche raggiungere le cose sugli scaffali è diventato difficile, come il mio addome in crescita sarebbe ottenere nel modo. Quando il bambino calciava durante gli esami, la mia concentrazione si rompeva e avrei bisogno di un momento per concentrarmi di nuovo. Quando la lunga passeggiata dal parcheggio al campus è diventato troppo per me, ho iniziato a prendere la navetta e ha dovuto fattore di tempo supplementare per fare il viaggio nel campus.

Altre cose che non ho considerato: tempismo. Avevo fallito il GTT di un’ora (test di tolleranza al glucosio) e poi ho dovuto programmare un GTT di tre ore per assicurarmi di non avere il diabete gestazionale. Trovare un comodo blocco di tre ore di tempo per essere assente dai corsi e dagli esami era complicato. Questi erano tutti piccoli inconvenienti, ma ha preso un po ‘ di tempo per abituarsi a come il mio nuovo normale.

Quando si pensa di iniziare una famiglia durante la scuola di medicina, può sembrare un compito insormontabile. C’erano molte cose che avrei voluto sapere e pensato prima di provare a mettere su famiglia durante il mio primo anno. Anche se la mia gravidanza è stata molto più difficile di quanto mi aspettassi, l’esperienza in sé non è stata così orribile come avrebbe potuto essere. Attribuisco questo al sostegno che ho ricevuto da mio marito, dalla famiglia, dai compagni di classe e dall’amministrazione scolastica: la mia autocoscienza era un peso che mi ero posto su di me che non era necessario.

All’inizio, non ero sicuro che il risultato sarebbe stato felice come è stato; col senno di poi, avere un bambino durante la scuola di medicina non era affatto una cattiva idea.

Cheerios e stetoscopi

Tutto su come iniziare e crescere una famiglia pur essendo un medico in formazione.

Allison LyleAllison Lyle (4 messaggi)

Editor studente di medicina e giornalista
Università di Louisville School of Medicine
Allison si è laureato presso l’Indiana University nel 2009 con una laurea in Biochimica. Ha poi conseguito un Master in Bioetica e Scienze Umanistiche mediche presso l’Università di Louisville, laureandosi nel 2011. Lei è un candidato MD secondo anno presso la UofL School of Medicine, mentre anche perseguendo la pista distinzione salute globale. I suoi interessi includono l’etica pediatrica, la neonatologia, la salute globale e le discipline umanistiche mediche. Quando non studia, le piace viaggiare, fare escursioni, scrivere e passare il tempo con suo marito e sua figlia.
Cheerios e Stetoscopi
Tutto su come iniziare e crescere una famiglia pur essendo un medico in formazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.